Sei Qui: Home > Il Casentino > Pontenano

Breve storia di Pontenano

di Marco Benucci e Vasco Innocenti

Si tramanda che durante la guerra contro Roma,  Annibale sia transitato nella zona e qui si sia accampato per studiare le mosse  delle truppe romane. Sul lato sud del paese, sulla parete di una casa, si vede chiaramente la traccia di un antico pilastro che, con un altro sul lato opposto ora scomparso, formava una porta di accesso al paese, su cui secondo gli anziani del luogo era scritto in latino: “Qui transitò Annibale”.

Queste tracce, associate ad altri luoghi come il ponte sul Ginesso sotto Faltona, detto  appunto di Annibale, ricordano il passaggio del condottiero cartaginese in questa zona.

Più tardi nel VI e VII secolo durante la loro invasione in Italia, i Longobardi scesi dal Pratomagno, si fermarono in questa posizione strategica di osservazione e alla fine del conflitto con i Bizantini, rimasero a lungo nelle loro fortificazioni

In seguito il paese fu costruito proprio sull’antica fortezza longobarda.

Il castello fu poi proprietà dei vescovi di Arezzo, poi degli Ubertini e quindi degli Accolti, di cui alcuni detti appunto “Accolti di Pontenano” . 

Il castello venne ceduto infine al Comune di Arezzo nel 1254 e nel 1384 passò, come tanti altri del Casentino, al Comune di Firenze.

Nel 1425 Pontenano accolse nel castello le truppe milanesi di passaggio del Piccinino, cosa pagata a caro prezzo perchè l’anno successivo, i fiorentini, per vendicarsi dell’insubordinazione degli abitanti, decisero la distruzione del castello.

Realizzazione siti web ActiveSite.it Cookies