Sei Qui: Home > Il Casentino > Pratomagno

Pratomagno

croce patromagnoLa vetta più alta del massiccio montuoso che si erge tra il Valdarno superiore e il Casentino raggiunge quota 1592 metri s.l.m., qui è collocata la Croce di Pratomagno.

La prima proposta di costruzione di una Croce in Pratomagno, del Padre francescano Luigi da Pietrasanta, risale al 1926 e fu concretizzata da un comitato alla cui presidenza era Don Giovanni Mazzoni, parroco di Loro Ciuffenna già medaglia d'oro al valor militare.

La Croce, disegnata dal fiorentino Tito Cini era alta 18 metri e composta da 900 pezzi in ferro che furono realizzati dall'officina Bordoni di Poppi e trasportati sulla vetta del Pratomagno a dorso di mulo.

Fu inaugurata il 4 settembre del 1928 alla presenza di un’enorme folla e divenne subito un riferimento nel paesaggio dei Casentinesi e dei Valdarnesi.

Il 4 novembre 1966, in concomitanza con l’alluvione a Firenze, la grande Croce cadde, appesantita dalla neve cadde sotto l’impeto di un forte vento; con gran rapidità fu dato avvio alla sua ricostruzione che venne affidata a una ditta di Soci. La nuova Croce fu inaugurata il 15 agosto 1969.

La Croce non è solo un monumento ma è anche un importante punto trigonometrico di riferimento per rilevazioni cartografiche e altimetriche.
Già nel 1817 la vetta era utilizzata come punto geodetico che successivamente fu riportato nel catasto Lorense e poi nell’archivio geodetico IGM per essere infine trasportato negli attuali sistemi di riferimento.
Ad oggi la Croce necessita di urgenti restauri ed è in fase di redazione un progetto di intervento seguito dai tecnici della Provincia e finanziato dalla Banca Etruria.

 

Nell’epigrafe posta a fianco del monumento è scritto:progetto croce pratomagno
“Da questa vetta / Punto di ideal incontro / Delle serene genti dell'Arno / Il poverello d'Assisi / Addita ancora / Agli uomini / L'Eterno messaggio dell'Amore / Contro gli odi, gli egoismi, le guerre.
In questo segno / Fu eretta nel 1928 questa Croce / E fu ricostruita nel 1969 / A cura di un Comitato / Promosso dalle Misericordie d'Italia / Onde allarghi ancora le braccia / Al cristiano amplesso dei popoli / Finalmente affratellati e liberi / In tutti i continenti “.

Una Scarpinata Selvaggia sul crinale del Pratomagno

Sul crinale del Pratomagno

Sul crinale del Pratomagno

Creato il: 01-04-2013 20:04:57

Realizzazione siti web ActiveSite.it Cookies